Il truffatore sfrutta la propensione alla disonestà del truffato @GuandaEditore @CircoloLettori

UNO SPLENDIDO INGANNO
Di Andrea Fazioli
uno splendido inganno

Un giallo decisamente atipico, dove non ci sono cadaveri né inutili spargimenti di sangue.
Andrea Fazioli pone l’accento sul labile confine tra l’onestà e il suo contrario. Con pochi, azzeccati personaggi, ci fa capire quanto sia facile, in determinate circostanze, passare dall’altra parte della barricata, quella della truffa, dell’inganno.
Guido Moretti, contabile cinquantanovenne di un distributore di benzina nel Canton Ticino, assiste alla rapina che gli svelerà la doppia natura di un collega e segnerà in qualche modo l’inizio di un ripensamento sulla sua vita. Vedovo, due figlie ormai adulte, decide di andare in pensione e subito dopo incontra apparentemente per caso Karin-Vanessa, bella donna di vent’anni più giovane, che gli svelerà i trucchi e i retroscena di una truffatrice di professione.
I due inaspettatamente si innamorano e questo complicherà non poco il piano della grande “operazione” che Vanessa e i suoi complici hanno escogitato. Il lettore è spinto ad andare avanti nella lettura fino al disvelamento finale, ai risvolti inaspettati della truffa di cui ha creduto di capire i meccanismi.
Interessante la teoria delle strategie truffaldine: nella maggior parte dei casi il professionista sfrutta proprio la latente propensione alla disonestà del truffato per portare avanti la sua azione, oppure fa leva sulle debolezze del malcapitato per condurlo dove gli fa comodo.
Peter Muller, genero di Guido, sgomita per entrare nel club più esclusivo dei ricchi zurighesi, di cui fa parte
Thomas Kopf e cerca di imitarlo ,collezionando opere d’arte di grande valore. E’ proprio stimolando la sua ambizione e l’illusione di credersi più furbo degli altri che Vanessa e i suoi soci riescono ad ordine ai suoi danni la grande truffa.
Lo svolgersi della vicenda “gialla” non impedisce a Fazioli di delineare con grandissima intelligenza e sensibilità il mondo interiore di Guido, colto proprio nel delicato momento in cui si è consapevoli che non saranno ancora molti gli anni da poter vivere intensamente. Trovo eccezionale che uno scrittore giovane come Fazioli (classe 1978) sia riuscito a entrare perfettamente nei meccanismi cerebrali di un quasi-sessantenne.
Belli anche i personaggi di Stella, ricercatrice di erbe officinali e amica di Guido, con l’ossessione per il mare che però non ha mai visto, e quelli delle figlie di Moretti, Susanna e Angela.
Appena più stereotipato il personaggio di Vanessa, ma forse, visto il ruolo, non poteva essere altrimenti.
Fazioli ha una scrittura molto bella e scorrevole, descrittiva ed evocativa nello stesso tempo, coinvolgente;
un autore che mi riprometto di approfondire, già vincitore di alcuni importanti premi di narrativa (“ Uno splendido inganno” è stato finalista al premio Nebbiagialla 2013).

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in RECENSIONI LIBRI e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il truffatore sfrutta la propensione alla disonestà del truffato @GuandaEditore @CircoloLettori

  1. wwayne ha detto:

    Mesi fa ho visto un film che, come questo libro, “pone l’accento sul labile confine tra l’onestà e il suo contrario”, e ne ho parlato in questo mio post: http://wwayne.wordpress.com/2014/01/08/il-fine-giustifica-i-mezzi/. Cosa ne pensa?

  2. giuseiannello ha detto:

    Beh, il tuo post è molto interessante, ma i presupposti dei tuoi protagonisti mi sembrano diversi dai miei. Il tuo sindaco va contro la legge a fin di bene, i miei truffatori fanno leva sulle debolezze delle prede per fare il proprio interesse.
    L’unico border-line della vicenda di Fazioli è Guido, preso tra due fuochi: quello dell’attrazione per la furbaVanessa e la sua integerrima condotta.

    • wwayne ha detto:

      In effetti è tipico degli americani mantenere un fondo di buonismo, edulcorare anche i personaggi che in film di altre nazioni verrebbero ritratti in modo molto più decisamente negativo. Grazie mille per i complimenti (che contraccambio) e per la risposta! : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...