Iviana Borissova reinventa la Casa azul #FridaKahlo #DonneinArte @eventiatmilano

 

 

 

4

Opera: ” I nostri mondi non sono mai usciti all’esterno”,  Iviana Borissova.
Immaginiamo di trovarci a Coyoacan, nella Casa Azul che fu di Frida Kahlo e Diego Rivera.

La Casa Azul a Coyoacan

La Casa Azul a Coyoacan

Ecco l’onnipresente specchio, compagno delle lunghe convalescenze di Frida, che rimanda un’immagine deformata dal dolore; vecchie stampelle, che l’hanno sostenuta nei primi tentativi di rimettersi in piedi dopo il rovinoso incidente dei suoi diciott’anni; una macchina da scrivere, cui ha affidato le sue parole ironiche e disperate, scritte su mille foglietti, quando anche dipingere non bastava più a prosciugare torrenti di disperazione; bottiglie vuote, silenziose testimonianze di feste e di solitarie bevute “Ho tentato di affogare i pensieri, ma hanno imparato a nuotare”. C’è il teschio, l’immagine della morte, la “Pelona” con cui Frida ha ingaggiato una lotta estenuante durata ventinove anni, e alla quale si è infine arresa. “Spero che l’uscita sia gioiosa, e spero di non tornare più”, scrive sul suo diario.
Tutto questo è presente, condensato, nell’installazione di Iviana Borissova, visibile fino al 4/10 alla Casa delle Culture del Mondo in Via Natta, 11 a Milano, nell’ambito della collettiva “Il doppio- Omaggio a Frida Kahlo”.
Il titolo dell’opera, “I nostri mondi non sono mai usciti all’esterno” è una frase estrapolata da una lettera che Frida dedica a Diego Rivera, ed è rintracciabile ne “Il diario di Frida Kahlo – autoritratto intimo” di Electa ed.
Una cosa non troveremmo più, oggi, nella Casa Azul, è  la femminilità viva di Frida, il suo caliente sangue tehuana tante volte perduto in maternità abortite. Nell’opera di Iviana, invece, c’è anche questo.

Iviana Borissova, artista poliedrica e versatile,  alterna l’impegno nelle arti visive alla musica.
https://plus.google.com/108648935149530640545/posts

 

photo courtesy of Nik Palermo per l’opera di Borissova

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in arte, Recensioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...