I colori dell’amore, il bianco del silenzio #DonneInArte @Scrittevolmente

Legami d'amore N° 2 autore: Giuse Iannello olio, collage, grafite su tavola   80 x 105

Legami d’amore N° 2
autore: Giuse Iannello
olio, collage, grafite su tavola
80 x 105

Ci sono amori che hanno colonne sonore, e quando ascolti per caso il brano che ha segnato il momento significativo di un rapporto, passato o attuale che sia, tutte le emozioni che hai vissuto in quell’istante si presentano vive alla mente come se non fossero passati anni, o decenni. Ricordi esattamente il posto, la stagione, l’espressione del suo sguardo. Tutta la sequenza del film di quella storia è lì, davanti al tuo occhio interno, mentre uno sconosciuto D.J. sta trasmettendo della musica alla radio. Prima che partisse il disco stavi stirando, o stavi per andare in ufficio, la testa tutta immersa nel presente. Eppure la musica ti strappa alla realtà e ti proietta là, in quel preciso luogo, in quel momento.
Possono essere, o essere stati, amori felici o infelici, ma sono stati vissuti in due, e sempre rosso è il loro colore. Nel ricordo gli amori felici virano all’arancio; gli altri al blu, o al viola.
E poi, ci sono amori che sono cresciuti nel silenzio. Amori di cui non ricordi neppure una connessione musicale. Sono fatti di sguardi, a volte di parole scritte, di lontananze, di solitari desideri inespressi, di colpevoli rimpianti.
Sono questi gli amori più pericolosi, da cui bisognerebbe fuggire fino a che si è in tempo.
Li riconosci perché bianco è il loro colore, e nel ricordo possono solo ingrigire, tremolando sospesi sulla buia voragine di quel silenzio.

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in arte, Farina del mio sacco, PITTURA e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a I colori dell’amore, il bianco del silenzio #DonneInArte @Scrittevolmente

  1. aubar295 ha detto:

    Carissima,
    anche questa volta provo a risponderti. Ti ringrazio di aver pubblicato il mio commento riguardo la mostra di Giovanni Segantini.
    Ho un rapporto particolare con Il Bianco più che con l’Amore che, in fondo non si è mai esplorato abbastanza.
    Il Bianco invece mi ha accompagnato in una fase importante del mio lavoro, dopo il video “La Divina Madre” ho ripreso le carte con la necessità di Albedo: il Bianco.
    Nella triarticolazione alchemica : Negredo-Sulfur- Caos / Albedo – Sale- Pulizia/ Rubedo -Mercur- risoluzione. Ho tradotto con un’orrenda sintesi del processo alchemico della materia e dell’animo anche, forse, chissà non per tutti, di frinte alla trasformazione il passaggio che feci e arrivai alla necessità del Bianco. Dopo anni di oli, carte, tematiche di sofferenza e densità.
    Per la mostra sul Bianco scrissi questo testo che ti inseirsco qui di seguito:
    BIANCO….

    “Portami per mano a vedere il bianco
    entrandoci con tempo più lento, mentre disvela
    grana, tessitura colore, svariando
    con la luce e con l’attenzione di chi lo coinvolge”
    scrisse.…
    …perdersi nella luce bianca della neve…accecante, silenziosa. Bianco porta la morte, protegge la vita.
    Bianco: scelta, passaggio, trasferimento, inizio,
    trasmutazione…dal bianco….
    Bianco luce di Luna.
    Bianco opalescente accoglie il ricordo della notte,
    trasforma ricamo il pensiero,
    conduce memorie in luoghi passati,
    amati, amandi….candidi di sopravvivenze.
    Opere per creare la Questione…. esortare al varco…
    Bianco: punto di transizione per il mercato dell’Anima.
    Bianco come mezzo, Bianco sta nel mezzo.
    Libera necessità del silenzio, della pausa, dell’attesa.
    Bianco…tra Nero e Rosso…..all’Opera….
    Abissi di consonanze invisibili si intersecano nel bianco.
    Bianco: ricordi, linee sottili, delicate, quasi cesellate,
    indicano il possibile senso…
    Bianco impossibile …. in quantità eccessiva.
    Passare, comunque, dal Bianco.
    Bianco risoluzione pulita…. diafano cigno…Leda…
    Bianco muto, muta in-comprensione?
    Bianco attenzione di sosta…
    Bianco ….non si può tornare indietro…
    Candore del Silenzio.
    Inverno Bianco per il tempo del Piombo.. Saturno.
    Bianco casa, rifugio, attesa… interiore…Albedo…..
    Dal bianco il rosso dei boccioli di rosa, in Primavera,
    a maggio, nel Toro….
    E così ogni stagione….passa dal bianco
    come ricordi…foglie…linee…
    Lavori per imparare il tempo del Bianco…
    ….per pensare nel Bianco….

    Augusta Maria Bariona.

  2. giuseiannello ha detto:

    Grazie, Augusta, per aver voluto condividere quel tuo importante passaggio nel bianco spirituale e artistico-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...