La miopia del volto, la verità della maschera

Pirandello
Luigi Pirandello, da “Così è se vi pare”:
– “Io sono colei che mi si crede”. –
– “Ed ecco, o signori, come parla la verità! Siete contenti?” -.

Tempo fa ho incontrato una persona che non vedevo da molto. Dopo quell’incontro mi si è affacciata più volte alla mente la curiosità di sapere esattamente chi io fossi, o perlomeno, come mi vedessero gli altri, negli anni in cui io e questa persona ci siamo frequentati.
Naturalmente non sto parlando di aspetto fisico; per queste considerazioni bastano uno specchio e qualche vecchia foto. Li si confronta e poi…non ci resta che piangere!
Parlo di carattere, di personalità: ero diversa da ciò che sono diventata o tutto ciò che sono, fa sempre parte di un nucleo originario piuttosto stabile nel tempo? Io penso entrambe le cose.
Immaginiamo che uno scultore prenda un blocco di marmo, e lavori fino a trarre dalla materia, più o meno, l’opera che vuole ottenere. Quando avrà finito, non si può certo dire che ciò che ha ottenuto non sia più lo stesso marmo di prima, ma, nello stesso tempo, è qualcosa di completamente diverso.
La percezione della nostra identità è talmente sfuggente che abbiamo bisogno del rapporto con gli altri, del confronto con gli altri, per sapere veramente chi siamo.
 

 

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in Farina del mio sacco, letteratura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La miopia del volto, la verità della maschera

  1. augusta bariona ha detto:

    ma nessuno commenta mai? Cara Giuse diventerà un epistolario di un dialogo a due: il nostro!
    Scusami per gli erori di grammatica nel 2 commento per Pasolini. Corregili tu per cortesia. Andai di getto senza alcuna rilettura. Questo mio immenso difetto che cambia in un su!
    Comunque arriviamo alle prese con questo condominio di presenze, persone che è dentro di noi e fuori siamo sempre uno , nessuno, centomila.
    Un inciso: ma quanto infinitamente grande, intelligente, profondo ampio è questo meraviglioso Luigi che tanto ho amato, tanto mi ha insegnato e tuttora ha un posto nel mio cuore? quanto?
    Mai si è come si era: ma è così per tutto. Una stagione dopo l’altra. Il senso perenne, infinito del cambiamento lo danno le cose il senso perenne infinito della infinite possibilità di cambiamento con le scelte lo diamo noi: umani pensanti. Così il blocco di marmo può rimanere com’è od essere eroso negli anni, o mutare grazie al pensiero, alla volontà, al sentire dell’uomo che lo trasforma in qualcosa di completamente altro perchè mai più lo nominerà “marmo” nella sua interezza bensì statua o scultura o opera. E marmo solo il materiale . ma così per il cassettone. da legno a oggetto. Trasformazione radicale ma la base è quella materia.
    Come un albero, ogni foglia è diversa il tronco è quello. Mille parole, mille atteggiamenti, mille pensieri, milioni anno dopo anno come milioni di foglie sempre diverse. anno dopo anno. ma il tronco è sempre quello.
    Tu sei tu chi ti percepisce ti vede attraverso i suoi occhi, la sua vita i suoi ricordi, le sue gioie e le sue tristezze. Sempre il confronto è utile per migliorare, per fare, per rendersi conto ma anche per proteggersi. La vita ci plasma come il giardiniere il suo giardino, l’ebanista il suo armadio o lo scultore la sua opera. E’ bello se incontri qualcuno che ti racconta che un tempo non sapeva che in te ci fosse un posto per le viole del pensiero. Nemmeno tu lo sapevi, l’hai scoperto da poco e ti sei messa a coltivarle e ora stai anche costruendo una serra per le orchidee!!! 🙂

  2. giuseiannello ha detto:

    Sei troppo forte, Augusta!
    Son contenta che abbiamo un amore in comune, il Luigi di cui sopra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...