Il tenero cardo

cardo brughiera

La fioritura selvatica del cardo
ai margini d’ una strada asciutta
tenere spine e morbidi semi
nati da polvere antica
-quanto giovani erano le tue mani-

Nella forte età della scoperta
tutto era permesso
fu indagine, fu ricerca del sé.
Tenera e dura come questo cardo
la tua lingua

scioglieva i miei nodi
intricandoli ai tuoi
vero balsamo e veleno potente
la saliva tra le gambe
spargeva semi per i futuri anni

nell’età ingrata in cui t’amai.

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in Farina del mio sacco, poesia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...