stoner. Parte prima, il destino di un libro

stoner

“Era il suo libro che cercava, e quando la sua mano lo prese, sorrise vedendo la copertina rossa tanto familiare ormai sbiadita e consumata dal tempo. Poco gli importava che il libro fosse dimenticato e non servisse più a nulla. Perfino il fatto che avesse avuto o meno qualche valore gli sembrava inutile. Non s’illudeva di potersi ritrovare in quel testo, in quei caratteri scoloriti. E tuttavia, sapeva che una piccola parte di lui, che non poteva ignorare, era lì, e vi sarebbe rimasta. Aprì il libro, e mentre lo faceva, il libro smise di essere il suo.”. Queste la descrizione dell’ultimo atto del Professor William Stoner sul letto di morte, e questo, in un certo senso, il profetico percorso del libro di John Edward Williams. Stoner fu pubblicato nel 1965, quando vendette solo duemila copie. L’autore morì nel 1995; otto anni dopo, nel 2003, il romanzo fu ripubblicato dalla casa editrice Vintage Classics. In Italia esce per Fazi nel 2012, con ben maggiore riscontro da parte del pubblico e della critica. Io ho letto la ristampa del 2015 con postfazione di Peter Cameron che confessa di averlo letto tre volte, e di aver pianto ogni volta.
Williams non ebbe perciò il tempo di assaporare la gioia del successo del suo lavoro, ma molto spesso è questo il destino dei libri e delle opere d’arte. Ci si dedica tempo, passione, energie fisiche e mentali con la consapevolezza che, una volta terminati, non ci appartengono più e, come i figli, seguiranno una loro strada, un loro imprevedibile destino.

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in letteratura, Libri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...