La vita in cornice

La cornice separa dall’ambiente circostante l’opera che racchiude e, nello stesso tempo, la mette in risalto. La sua presenza ci avverte che quanto vediamo in essa non fa parte della realtà in cui siamo immersi; ci proietta in un tempo e in un luogo diversi, anche se fisicamente sembrano essere contemporanei all’osservatore. L’opera testimonia il tempo dell’autore, che a sua volta può aver rappresentato qualcosa di passato o di futuro rispetto a se stesso. La cornice stigmatizza uno spazio sacro, nel senso di separato e di inviolabile.
Attualmente si preferisce esporre la tela senza cornice o, nel caso il supporto lo richieda, essa si limita a  un anonimo listello. Anch’io spesso espongo i miei lavori  seguendo questi criteri. Così facendo, si vorrebbe che la cornice dell’opera diventasse parte integrante dello spazio in cui essa è esposta, ossia lo studio, la galleria, il museo, il sistema dell’arte stesso.
Tanto per non venir meno alla mia incoerenza, in questo periodo ho cominciato invece a lavorare a una serie di cornici, “FRAMES”appunto, che in questo caso diventano però veri e propri contenitori, nei quali ho riunito oggetti di vario tipo che hanno per me una valenza simbolica. Una parte più bassa, esterna alla cornice, ha il compito di raccordarla alla parete ed è lastricata di parole significative rispetto al contenuto dell’opera.
Le prime due cornici sono dedicata all’amore:
LOVE FRAME N. 1 – THE LOVE YOU GAVE ME
love-frame-1-the-love-you-gave-me-3
LOVE FRAME N.2 – KEYS AND CHAINS
love-frame-2-keys-and-chains-2

In entrambe sono presenti tealight in vari stadi di consunzione, a simboleggiare l’amore che arde, si consuma e infine si spegne. Non ho però abbandonato del tutto la figurazione: nel primo lavoro si tratta di un ritratto a pastello, fotocopiato e ritagliato; nel secondo sono disegni a pastello di chiavi, lucchetti e catene.

 

Annunci

Informazioni su giuseiannello

Pecco in parole, opere (e omissioni). Tratto sul serio: pittura e scrittura
Questa voce è stata pubblicata in arte, arte contemporanea, assemblage, Farina del mio sacco, scrittura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...